Diapsalmata

Conversione della pena grazie a Kierkegaard:

"Dico della mia pena quel che gli inglesi dicono della loro casa: la mia pena is my castle. Molti considerano l’essere in pena come uno dei conforti della vita.

Io tra quelli…? 

Annunci

4 pensieri su “

  1. come un omaggio ad Elias canetti

    La pena, come Kafka insegna, non è la pena, ma il processo. Non c’è dunque alternativa tra una pena unica ed enorme e tante piccole ed infide, ma, più precisamente, tra un processo con condanna e un processo la cui condanna è già pronunciata all’inizio del ‘procedimento’. Precisamente, ‘l’essere in pena’ è per Kirkiegaard ciò che è il ‘processo’ per Kafka. Con questa differenza: my castle, per Kafka, è semplicemente iraggiungibile, cioè: anche il castello della pena è inespugnabile: si sta, tutti, sull’uscio della porta che conduce alla salvezza senza capire che è, da sempre, sempre aperta.

    emilio/millepiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...