Premio letterario

Il noto punkrocker, nonchè titolare dell’altresì famoso blog R4 , Stefano Amato, mi aveva invitato circa un mese fa a partecipare al suo concorso letterario:  più o meno 280 parole che comprendessero, un bacio, un furto d’auto, un morto ammazzato e due armadilli. Non ho vinto ma sono stato citato. Che a volte, è meglio della vittoria.

 

Pippi e Titti

Adesso vi dirò come sono veramente andate le cose. Non è più facile niente in questo paese. Neanche rubare auto. Il mio capo, Ilie, le smercia in tutto l’Est. Io le trovo, organizzo le spedizioni, corrompo i finanzieri. Ieri, mi chiama uno dei nostri. Lo raggiungo in una zona vicino al porto. E’ su di giri, sembra fatto. Lo dico sempre a Ilie di non assumere drogati. Ho fatto un casino ma l’ho trovata, dice. Entriamo nel capannone. La vedo. E’ una Rolls Royce. Commissionata da un petroliere russo. La cerchiamo da mesi. Il drogato mi tira le chiavi, si allontana e mi chiede scusa. Non capisco, mi avvicino all’auto. Ora capisco. Sul sedile, c’è un tipo in divisa da autista, svenuto. Sanguina dalla testa. Gli frugo in tasca, non è armato. Lo sveglio, si nasconde il viso con le mani. Gli dico che vogliamo solo la macchina. Vi prego non uccideteci, risponde. La signora può pagarvi bene se restituite Pippi e Titti, dice. Penso che sia stordito dalla botta. Lo faccio alzare. Apre la bauliera. Ho già il coltello in mano, faccio scattare la lama. Piccoli, come state? esclama. Guardo dentro. Ci sono due animali. Brutti come la paura. Sembrano topi con la corrazza da tartaruga. Armadilli li chiama. Mi fanno un pò schifo. L’uomo sta sanguinando, gli ordino di toglierli dall’auto. Mentre li deposita sul pavimento lo faccio sanguinare molto di più. Gli infilo il coltello appena sotto l’orecchio destro, fino al manico. Muore in fretta, in divisa. Un altro morto sul lavoro, penso. Cade a faccia in giù. Un armadillo si avvicina, lo annusa, poi si strofina il muso con l’altro. Sembra che si bacino.

 

Annunci

10 pensieri su “

  1. Il tuo racconto è davvero un condensato di intelligenza e humour. Ma a quando il seguito di “Serial G ( appunti per un’ indagine)”?
    Emma, quella del commento #1 🙂

  2. Grazie Emma… serial g sarà uno dei racconti che spero di finire durante le vacanze…lavorative…
    Ennio: ma tu avevi partecipato?
    and

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...